lunedì 7 ottobre 2013

CONCORSO IKEA BLOG-IN?

Credo che per i prossimi tre mesi, finché non mi passerà la voglia di torta in tutti i modi e a tutte le ore, parlerò per metafore dolciarie, come Nick di Beautiful, che pur non mettendo piede su una barca da trecentordici puntate, parla ancora con metafore da marinaio.

Ieri infatti la mia amica Stéfi dandomi dritte sul ciambellone mi ha detto una cosa importante: che la base è tutto, quando si parla di dolci. 

Ma infatti è così! E io che da dilettante già cercavo di sbizzarrirmi sulla farcitura, sprecando preziosi cucchiai di marmellata di lamponi!

Così la base è importante sempre. Direi in grammatica, per deformazione professionale, ma anche in fatto di arredamento, e qui arrivo allo scopo di questo post.

Sull'ultimo numero di CasaFacile, rivista da cui sono mensilmente dipendente, ho letto del concorso Ikea Blog-in (qui il link)e ho pensato di compilare il modulo. Non l'ho ancora fatto, pensando di consultarmi prima con le mie amiche-blogger.

La nostra casa è in affitto perciò non abbiamo molto raggio di azione, molte cose che vorrei sono rimandate e molte scelte arredative e decorative sono provvisorie e frutto di compromessi, però tutto sommato sono abbastanza soddisfatta dell'ambiente che abbiamo ottenuto.

Il riferimento alla "base" è proprio per dire che la base di tante scelte, per motivi economici e di gusto e di versatilità, è proprio Ikea. La farcitura è frutto invece di idee ed esigenze mie e di coiquilino, spesso costretto a fermarmi nei miei voli pindarici e spesso costretto a rassegnarsi per farmi felice.

Ecco allora per la prima volta un giro completo della nostra casa, partendo dal salotto che è separato dalla cucina da una porta scorrevole di legno bianco e vetro, bellissima, a sinistra della finestra. I punti chiave con cui ho cercato di rendere coerente il tutto sono il verde delle piante (la finestra si affaccia su un giardino fittissimo), il legno chiaro e imbiancato e il color metallo.
Proprio alla finestra ho messo un piccolo davanzale interno per Mio Morbidus (riciclando una vecchia mensola dipinta di bianco) che adora affacciarsi per sentire meglio le strilla dei nostri vicini.



In questo ambiente di Ikea c'è di tutto un po': le tende, il paralume, il mobile-tv (che era lo scaffale del guardaroba della nostra prima casa), i cavalletti del tavolo, le sedie (mitiche Ivar e Roberto), il tavolinetto per il pc, i copridivano.
Per quanto riguarda il tavolo, ho assemblato tre assi (quella centrale un po' più larga di quelle laterali) per averlo "su misura" e ho richiamato nelle sedie l'abbinamento bianco e color legno chiaro imbiancandole solo in parte.

La libreria, più volte oggetto di autocelebrazioni su questo blog, è invece una mia idea e come già ho raccontato in altri post è fatta di tavole di legno imbiancate e barre filettate idrauliche.


L'illuminazione è un altro di quegli aspetti dell'arredamento che mi appassiona! Amo la luce e mi piace poterla cambiare durante il giorno, quando il sole non è abbastanza.
Per questo ho cercato di fare più di un punto luce: il paralume di alluminio Ikea (Foto)e la grossa lampadina nuda con il portalampada che ho colorato con la vernice spray (era dorato!) sono appesi con un filo elettrico trasparente/grigio e collegati all'interruttore centrale dotato di potenziometro. La catenella permette di spegnere soltanto la lampadina (che accendo solo per cucire).

Un altro elemento di cui vado fiera è questo casco da parrucchiere vintage, che un mio amico molti anni fa ha trovato abbandonato per strada: l'ha caricato in macchina e mi ha telefonato dicendo "ho trovato il coso che cercavi, sto arrivando!". E in un attimo l'ha trasformato in una lampada. Grazie Marcellino!!!

Qui uno dei tanti post sulla nostra minuscola prima casa. 

19 commenti:

  1. cioè... ho dovuto faticare perché al mio cervello arrivasse il fatto che è casa tua e non una foto di qualche rivista. Continuo a dirglielo, al mio cervello, che hai scritto quello che hai scritto e che, non c'è dubbio, parli di casa tua. Ma lui niente, insiste col credere che è una immagine di rivista.
    Figataaaaaaaaaa.

    RispondiElimina
  2. Tu sei la mia cura per la "depressione gestazionale", oh yeahhhhhhhhhhhhhhhhh!

    RispondiElimina
  3. Aleeee a rapporto! La tua casa è m e r a v i g l i o s a!!! Se non partecipi ti iscrivo subito.
    Cos'è sta' cosa della depressione gestazione? Dillo a zia Adri dai..
    Ti informo che le tue dipendenze sono anche le mie, vedi rivista, vedi food blogger .
    baciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Adri! Niente di preoccupante, solo battute sulla mia condizione di balena spiaggiata!
      Per i gusti in comune ricorda che la brescianità ci unisce!

      Elimina
  4. Ale, eccomi. Scusami ma riemergo ora da lavoro, bambini, compiti, pentole lasciate sul fuoco con l'olio dentro....aiutooo. Comunque, stessa cosa di Veronica. Alla prima foto ho detto: peyton??? Naaa, foto di una casa scandinava..che figata di casa che hai! Che stile Ale, bellissima. DEVI ASSOLUTAMENTE PARTECIPARE!
    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peyton avrebbe tanto potenziale... se non ci fosse tutto questo impazzare d'etnico, arancione e arredamenti pseudominimali per nulla personalizzati o l'interpreazione sconsiderata dello shabby chic!

      Elimina
  5. beeeeeeeellla! no, qualcosa di più! pensata, curata, studiata, vissuta, una casa meravigliosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanti fanastici aggettivi che mi fanno gongolare! Grazie!

      Elimina
  6. Che bello il tuo blog!! Sono molto contenta che tu sia venuta a trovarmi. La tua casa è bellissima, c'è tanto bianco ma riesce a trasmettere calore, cosa non facile. Davvero brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mio padre una volta mi ha accusata di essere un po' monacale nell'arredamento, sono contenta che alla fine non sia così!

      Elimina
  7. Mi sono appena innamorata del tuo blog, ma soprattutto della tua casa!! Io ho l'ultimo numero di casa facile ancora incellophanato...nn trovo mai il tempo di fare tutti quello che vorrei cavoli!! a presto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Anna! Io in effetti in questo eriodo ho molto tempo libero e ne approfitto prima della "rivoluzione" ;)

      Elimina
    2. Faust. The Wumme Years.

      Elimina
  8. Ciao Alessandra! Grazie del commento alla mia casetta!
    Bellissima la tua casa e.... come ti capisco, anche io sono in affitto e ho dovuto trovare compromessi per il mio appartamento.
    La tua l'hai arredata benissimo. Seguirò con piacere il tuo blog!
    A presto, Alice

    RispondiElimina
  9. Che bella! Mi piace molto questo stile e approvo moltissimo le vostre scelte in fatto di arredamento!
    Se non ti dispiace, condivido una foto sul mio blog: myidealhome.tumblr.com :) ovviamente segnalandoti come fonte e linkando il tuo sito!
    Valentina

    RispondiElimina

♡ Thank you so much for your comment! ♡

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

ULTIMI PUBBLICATI